Contatti

A coloro che sinceramente e con profonda determinazione stanno cercando il Vero (Haqq) e aspirano a percorrere la Via (Ahl al-Tariqa), nel rispetto della Sunna del Profeta (S) e secondo l’adab della Ahl al-Bayt (A).

Per ricollegarsi a un Maestro vero e autorizzato o a uno dei Suoi rappresentanti, la cui conoscenza sia tale da esser fonte di cambiamento spirituale, è necessario sapere come riconoscerlo.
Egli non sarà mai un insegnante di scienze religiose, un teologo o un predicatore. Egli non vorrà né pretenderà mai ricompense materiali o benefici qualsiasi per il suo insegnamento. Egli guadagnerà il rizq con il Suo lavoro e le Sue abilità. Egli apparirà come un comune credente e manterrà la Sua pratica religiosa riservata, semplice e umile, tanto da apparire, a volte, agli occhi dei dottori della Legge, piuttosto “rilassato” nell’atteggiamento e nei modi. Tuttavia, Egli non potrà mai violare o trascurare una lettera della Legge e della Sunna del Profeta (S). Ricorda il detto dei Maestri della Via: “il sincero di fronte alla Verità è l’eretico per la gente comune” (Siddiq al-Haqq, Zindiq al-Khalq). Egli non potrà mai detenere la Sua Autorità Spirituale per la linea di sangue, ma tramite i Suoi maestri e i loro lignaggi spirituali, dando prove di essi. Egli non farà mai proselitismo, i Suoi seguaci e amici saranno pochi. Egli non insegnerà fiqh o ilm al-sharia. Egli consiglierà di prendersi cura prima del Cuore (qalb) e poi di conoscere le pratiche e le forme del Din al-Qayyim ed esclusivamente per adab nei confronti del Profeta (S) e della Sua Sunna. Solo quando e se avrai raggiunto la maturità spirituale necessaria Egli ti mostrerà la profondità interiore di queste forme, perché Haqiqa segue Tariqa, e Sharia è una parte dell’Haqiqa Muhammadiyya. Egli istruirà gli aspiranti secondo le loro qualità e attitudini, a tu per tu, per modificare le tendenze errate dell’aspirante prima ancora di introdurlo al metodo iniziatico vero e proprio. Egli darà molto di più con la Sua Presenza Spirituale che attraverso la Sua lingua. Lo incontrerai nel mondo grossolano, dei corpi, e in quella dei sogni, sottile, perché se Egli non può camminare in entrambi come può insegnare a oltrepassarli?